Foto di giulio nepi - Licenza CC - http://www.flickr.com/photos/30291593@N00/2741873131
Foto di giulio nepi - Licenza CC - http:[email protected]/2741873131

Ragusa

L’intenzione dell’amministrazione ragusana è di sviluppare infrastrutture e servizi innovativi adatti a superare il gap strutturale che influenza negativamente l’accessibilità e la fruizione dei centri storici (il riferimento è ampio, all’intera provincia), dei monumenti e delle bellezze naturali da parte dei turisti è la motivazione principale che spinge il Comune ad intraprendere un percorso di programmazione in materia di politiche smart.
La città aderisce all’Osservatorio Nazionale Smart city perché rileva il bisogno di venire accompagnato nel processo di trasformazione e di ricevere informazioni sulle opportunità di finanziamento.
Gli ambiti in cui l’Ente individua la necessità di intervenire con soluzioni smart, perché ritenuti “deboli” rispetto al resto dell’organizzazione del territorio, riguardano proprio l’accessibilità, le strutture culturali, gli alloggi i sistemi di trasporto, i servizi pubblici e sociali.

Il percorso di programmazione: a che punto siamo

Il Comune ha già previsto un rinnovamento ed un adeguamento tecnologico per alcuni servizi essenziali: ammodernamento pubblica illuminazione, impianti a fonti rinnovabili su edifici pubblici, servizio idrico, mobilità urbana e aree di traffico. Tuttavia non è ancora avviato un processo di trasformazione puntuale secondo il paradigma smart city.
Non è definita la forma di governance preposta alla pianificazione, gestione e monitoraggio del percorso di programmazione.

Come si finanzia la Smart City

Ad agosto 2013 il Comune ha deciso di partecipare al bando “Energia da fonti rinnovabili e Innovazione e Comunicazione Tecnologiche per la sostenibilità energetica”, promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) riguardante l’ammissione di tre Comuni italiani alla sperimentazione di tecnologie innovative per la gestione intelligente della pubblica illuminazione in termini di risparmio energetico e di servizi riguardanti l’ambito sociale e ambientale.

I progetti

Smart Mobility

Tra i progetti volti a migliorare la viabilità cittadina, attraverso mezzi di trasporto ecologici e silenziosi oppure grazie a zone di scambio intermodali, si segnala:  la realizzazione di mezzo ettometrico che colleghi il quartiere barocco con quello moderno, il recupero della linea ferrata urbana per collegare il centro alle periferie, parcheggi interrati pluripiano e parcheggio di scambio scoperti.

13 novembre 2013