|
Collaboriamo alla stesura delle Linee guida per la smart city

I. La fase di Analisi

1 Leave a comment on block 1 3

La pianificazione dello sviluppo di una Smart City e la definizione di una matrice progettuale, che integrando interventi e risorse in ambiti differenti, abbia impatti significativi sulla qualità della vita delle persone e sul rilancio economico del tessuto urbano, non può che partire da un forte lavoro di analisi. Un’analisi ampia che coivolga direttamente le diverse tipologie di cittadini, ma anche senz’altro le organizzazioni e le imprese. Il processo di programmazione sul quale si lavorerà con la scrittura a più mani del Vademecum è fortemente inclusivo e mette insieme metodi e strumenti che condurranno la città ad un vero co-design degli interventi. Per arrivare a questo i metodi di analisi dovranno rifarsi ad un approccio attivo e partecipato tanto dei portatori di bisogni, vecchi e nuovi, quanto di coloro che possono esprimere un potenziale innovativo. Solo in questo modo sarà possibile immaginare vie di sviluppo, servizi e progetti capaci di tenere in conto il fatto che i bisogni variano con grande rapidità, così come variano i modi e le strategie che vengono ritenute più adatte per affrontarli, le descrizioni di urgenza, di estensione e gravità degli stessi. Attraverso un metodo partecipato di analisi dei bisogni sarà, inoltre, possibile tenere in debito conto i meccanismi che generano “nuovi” bisogni, il funzionamento delle “organizzazioni” che “lavorano” su questi, le relazioni tra di esse e la loro capacità di risolverli.

Da un lato analisi dei bisogni e delle emergenze, dunque, ma dall’altro individuazione degli asset e delle vocazioni territoriali.
Il tema delle Smart Cities, e gli elementi innovativi che si porta dietro, deve diventare per le città un’occasione di riflessione profonda sul futuro del proprio sviluppo, in piena armonia con la propria identità. A tal fine, in questa sezione del Vademecum, non meno rilevante sarà la definizione di strumenti di ricerca che sappiano cogliere in tale ottica gli elementi distintivi e competitivi, la storia e i talenti, le tradizioni e le specificità locali.

2 Leave a comment on block 2 1

Indice Capitolo

1.1 – Riconoscere i problemi

1.1.1 – metodologie di analisi quantitativa

1.1.2 – metodologie e tecniche di analisi qualitativa

1.1.3 – intercettare i nuovi bisogni

1.1.4 – targhettizzare i cittadini

1.2 – Riconoscere le risorse e gli asset di sviluppo

1.2.1 – la mappatura delle progettualità e degli investimenti

1.2.2 – far emergere l’infrastruttura sociale – comprenderne le risorse

1.2.3 – l’analisi della vocazione economica territoriale

1.3 – Rappresentare i problemi

Page 2

Source: https://osservatoriosmartcity.it/areariservata/i-la-fase-di-analisi/